Visto il particolare momento storico che stiamo vivendo, la scuola primaria prova a riflettere su temi  molto attuali quali il perdono, la pace e la vita. I momenti di preghiera, pertanto, si sono concentrati  su queste importanti tematiche, provando sempre a sensibilizzare una crescita globale (spirituale,  umana e intellettuale) dei nostri giovani studenti che rappresentano il presente e il futuro del nostro  mondo.  

CON GESÙ…PAROLE DI PERDONO…DI PACE…E DI VITA, è questo il tema delle preghiere  pasquali sviluppato e meditato dagli studenti. Le classi III, IV e V hanno avuto modo di con-dividere,  dividere-con i compagni i loro pensieri, le loro sensazioni per affidarle a Gesù, nostro amico e  compagno di viaggio. Insieme ai compagni di I e II, è stato, poi, addobbato nella chiesa d’Istituto 

l’albero della pace con delle uova contenenti i simboli della passione e con dei fiori colorati con i  colori della bandiera della pace che è stato d’aiuto a comprendere maggiormente il significato  profondo della passione, morte e risurrezione di Gesù, il Kerigma, il cuore pulsante della vita  cristiana.  

Pasqua è la festa del PERDONO: le parole di Gesù sulla croce sono parole di perdono, di  riconciliazione. “Padre perdona loro” (Lc 23, 33) è il grido di Gesù morente che ancora oggi risuona  forte in ogni angolo della terra. Il perdono è l’unica “arma” che abbiamo contro la guerra, la divisione,  contro il male.  

Pasqua è la festa della PACE: “Pace a voi!” (Gv 20, 19) è il saluto del Risorto agli apostoli delusi e  tristi riuniti nel cenacolo. È questo l’augurio più bello e l’invito più importante che Gesù ancora oggi  ci rivolge: il Risorto lascia al mondo la pace e all’uomo lascia il compito di essere in grado di vivere  nella pace partendo dalle relazioni quotidiane per poi giungere alla tanto desiderata pace nel mondo.  

Pasqua è la festa della VITA: L’uovo e il pulcino, simboli pasquali, sono stati d’aiuto per  comprendere meglio il grande valore della vita. L’uovo somiglia ad un sasso e appare allo sguardo  umano quasi come se fosse privo di vita, lo stesso vale con il sepolcro di pietra nel quale era stato  sepolto Gesù. All’interno dell’uovo, però, c’è una nuova vita pronta a sbocciare da ciò che, in realtà,  sembra morto. In questo modo l’uovo diventa il simbolo della vita, della Resurrezione. a tutto questo,  però, va aggiunto un dettaglio… Se un uovo viene rotto da una forza esterna, la vita finisce. Se lo  stesso uovo viene rotto da una forza interna, una vita inizia. Le grandi cose, le cose straordinarie come  la vita, iniziano sempre dall’interiorità.  

Che possa essere una PASQUA DI PERDONO, DI PACE E DI VITA per tutti.

Iscriviti alla Newsletter di Istituto: