10/12/2021 – World Day for Human Rights

“Equality – Reducing Inequalities, Advancing Human Rights”

10/12/2021 – Giornata Mondiale per I Diritti Umani

“Uguaglianza – Ridurre le disuguaglianze, promuovere i diritti umani”

“Occorre rafforzare la convinzione di essere un’unica famiglia umana.

Non ci sono frontiere o barriere, politiche o sociali, dietro le quali possiamo nasconderci, 

tanto meno c’è spazio per la globalizzazione dell’indifferenza

(Papa Francesco, Laudato Si’)

Il 10 dicembre le Nazioni Unite celebrano la Giornata dei Diritti Umani, che commemora l’adozione della Dichiarazione Universale del 1948.

Si tratta del primo documento internazionale in cui i diritti umani sono dichiarati inalienabili, applicabili a tutti gli esseri umani, indipendentemente da razza, colore, religione, sesso, lingua, opinione politica, origine nazionale, proprietà, nascita o status.


L’uguaglianza era il tema del 2021, legato all’articolo art. 1 della DUDU – “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti” -, alla Costituzione dei singoli Paesi ed allineato con l’Agenda 2030.

Il rispetto per la nostra dignità di esseri umani spesso stride con le realtà caotiche della vita cittadina. Ma ciò non deve far trascurare l’abbandono e l’incuria vissuti anche da alcune popolazioni rurali

prive di accesso ai servizi essenziali e dove alcuni lavoratori sono ridotti a condizioni di servitù,

senza diritti e nemmeno la speranza di una vita più dignitosa”.

(Papa Francesco, Laudato Si’)

Per trovare oggi soluzioni alle forme di discriminazione che colpiscono da sempre gli elementi più vulnerabili della società (donne e ragazze, popolazioni indigene, persone di origine africana, persone LGBTI, migranti e persone con disabilità), i giovani devono imparare a studiarne le cause e le origini, analizzando ciò che si è fatto secoli fa per iniziare a contrastarle.

Per questo motivo, da diversi anni, nelle classi di liceo dei terzi anni, il programma di inglese, in parallelo con quello di storia, prevede che si analizzi in modo approfondito la Magna Charta Libertatum, uno dei primi documenti in cui si riconoscono diritti ai ‘free men’ (uomini liberi) dell’epoca.

Il documento viene successivamente messo in relazione con la Costituzione Inglese, Americana, Italiana e con l’Agenda 2030.

Quest’anno, approfittando della presenza in istituto di un alunno ospite di nazionalità giapponese, si sono prese in considerazione anche le leggi nipponiche.

Il risultato di questa analisi comparativa è contenuto nelle presentazioni in calce.

Sempre in tema di diritti umani e libertà, in una classe quarta del liceo, guidati dal docente di religione, gli alunni hanno letto ed analizzato gli articoli del Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa, raccogliendo poi in una presentazione le loro riflessioni.

Infine, alla scuola primaria, nelle classi quarte, attraverso l’analisi di alcune poesie si è parlato di diritti umani, di uguaglianza, di memoria ed empatia.

Fil rouge delle attività? Riuscire presto a sentirsi un’unica “famiglia umana” così che “quando chiunque si sentirà mio fratello il mondo sarà più bello”!

Caterina Lizzio

Referente di Istituto per Global Citizenship Education

LAVORI PRIMARIA

 

LAVORI MEDIE

LAVORI LICEI

Iscriviti alla Newsletter di Istituto: