Molto più che una scuola.

Pubblicata in: Scuola Primaria, Liceo Scientifico, Liceo Classico, Scuola Secondaria di primo grado, Scuola dell'infanzia

Per alcune cose i logaritmi non bastano: nessuna classifica potrà mai dire se una scuola, più delle altre, educhi i ragazzi a diventare donne e uomini migliori. Per altre, poi, dipende dai parametri che si usano: nelle ricerche della Fondazione Agnelli, ad esempio, non rientrano i nostri punti forti, come il numero di alunni che va a studiare all’estero, e che riteniamo invece un fiore all’occhiello dell’Istituto.

Nonostante ciò, anche il rapporto Eduscopio (il portale dedicato alle famiglie degli studenti che stanno per scegliere il liceo nel quale iscriversi, curato dalla Fondazione Agnelli) conferma che il Massimo si colloca tra le migliori scuole romane: l’83% degli alunni infatti, completati gli studi nei nostri licei, si iscrive a un’università italiana; sommandoci anche i dati che il progetto Eduscopio non ha a disposizione, ossia le immatricolazioni all’estero, si arriva a una cifra altissima: quasi 9 ragazzi su 10, dopo la maturità all’Istituto Massimo, proseguono i propri studi. E lo fanno con profitto, come lo stesso Eduscopio spiega: l’indice di abbandono dopo il primo anno di frequenza, infatti, è molto al di sotto della media delle scuole dello stesso indirizzo nel Lazio.

Naturalmente il Massimo – chi ha avuto la possibilità di studiarci lo sa bene – è molto più dei numeri, perché è molto più che una scuola: fedele alla sua tradizione, non volge l’attenzione solo alla preparazione culturale ma garantisce una formazione integrale della personalità attraverso proposte curricolari o extrascolastiche, pensate per aiutare gli studenti a sviluppare i propri talenti anche in vista del loro percorso professionale.

una scuola della Rete
Gesuiti Educazione